Dal 28 aprile al 6 maggio in Marocco con Sandraiders

La sabbia, le piste marocchine e le endurone vintage degli anni 80 e 90: tutte cose che ci piacciono in questa “quasi gara” che è arrivata quest’anno alla sua quarta edizione e promette nuove piste e molte buone emozioni.
In puro spirito dakariano d’altri tempi, così come ci ricorda l’organizzatore Pep Segura, Sandraiders è una bella avventura accessibile anche a chi non ha mai messo il tassello sulla sabbia d’Africa.

Una Honda XL Paris-Dakar o una Ténéré vecchio stile, quelle col serbatoione dalle linee tonde, sono le moto ideali per divertirsi di gusto. Moto che si recuperano a prezzo abbordabile (e questo, converrete con noi, non è un dettaglio ininfluente) che chiedono davvero pochi allestimenti: un paio di gomme tassellate, il GPS e se volte un porta road-book, ma quest’ultimo non è indispaensabile, anche se fortemente consiglieto per il massimo divertimento.

Se poi pensate di avventurarvi nella preparazione di una moto molto speciale, potete fare come Matteo Gherardi e Michele Galvagni che da due Honda Dominator hanno ricavato i bei ferri con cui hanno scorrazzato lo scorso anno.
Per arrivare in Marocco non dovrete sobbarcarvi la lunga trasferta via asfalto perchè Pep provvede a recuperare le moto dei partecipanti in punti strategici in Europa e le porta fino laggiù, per poi riportarle indietro ad evento concluso.
Altri buoni punti a favore di Sandraiders sono l’ottimo servizio di assistenza tecnica, il servizio medico garantito al seguito, hotel ben selezionati e l’immancabile bivacco (solo una notte), ma soprattutto buona compagnia.
Non è una gara, non ci sono classifiche di giornata né prove speciali, ma il divertimento è garantito!
L’edizione 2018 parte da Casablanca il 28 aprile e termina il 6 maggio a Marrakech. Costo di partecipazione è 2400 euro incluso il trasporto moto, ed escluso unicamente il vostro biglietto aereo per andare e tornare dal Marocco.

Per info in Italia info@mototrek.itwww.sandraiders.com

Foto ©2017  TambooGarage